vg7 web to print 100% italiano

Lancio Digitale by VG7: Vuoi sapere che lavoro faccio?


Oggi come ieri la maggior parte degli imprenditori con i quali mi trovo ad aver a che fare cova una domanda che spesso fatica a venir fuori. Visto il mix di mestieri, conoscenze e tecnologie in gioco ci può stare sicuramente. Saper rispondere ad una domanda di questo tipo, oggi, non è affatto cosa facile.

la domanda è la seguente:
«Scusa Rob, non te la prendere se ti chiedo una cosa banale.. ok che sei un consulente seo, ma cosa fai esattamente quando parli di  “lancio di marchi, prodotti e servizi” ? Intendo proprio nel pratico, che lavoro fai per le Aziende? »

Oggi ho deciso di sfatare il mito che vede l’imprenditore impossibilitato alla comprensione del Web e per farlo ti racconterò ciò che faccio per una delle Aziende per le quali lavoro, il suo nome è VG7.

logo vg7 web to print per ecommer etipografie

Chi è VG7 e perché oggi collaboriamo.

Chi ha provato a contattarmi in questi ultimi mesi sa bene quanti NO mi trovo costretto a pronunciare. Come tutti sappiamo il tempo non è una risorsa scalabile e come ripeto da tempo, ogni libero professionista/consulente/P.Iva, oggi più che mai, dovrebbe fare molta attenzione nel dedicare il suo tempo esclusivamente a collaborazioni costruttive. Se l’obiettivo è la crescita professionale non penso esista alternativa a questo.

La crescita è un presupposto indispensabile. Serve a me, serve alle agenzie per le quali lavoro e serve ai loro clienti.

La crescita è alla base di qualunque lancio digitale di successo. Come già dovresti sapere se hai letto il post sul growth hacking è stata proprio la crescita – e il modo di saper utilizzare le adeguate strategie per questo scopo – a fare la VERA differenza nei più grandi lanci digitali.

Proprio in ottica di crescita VG7 non è un azienda come le altre.

Entrata di petto da diversi anni nel Digital nazionale come distributore di servizi Web ha capito che la strada per il suo successo aveva il suono di una parola a me cara: specializzazione.

E come capita spesso la specializzazione porta con se rinunce, scelte difficili e innovazione.

Rinunciare non è mai semplice ( tranne quando hai un obiettivo preciso).

A nessuno di noi piace rinunciare. Immagina di aver davanti 6 bicchieri neri come il buio e che sotto soltanto uno di questi ci sia un gettone che vale €1.000.

Preferiresti tentare o portarti via subito €100.00 ?
Rinunciare è difficile. Difficile quasi quanto saper perdere.

Nonostante il web  e le sue regole siano state scardinate e argomenti quali content marketing, SEO, Inbound Marketing etc… siano oggi alla portata di tutti, scritti e desctitti in tutte le salse, l‘errore comune dei più resta proprio il non voler rinunciare ad un idea d’impresa “immaginaria”.

Il risultato è un offerta sommaria e mal riuscita. Riflesso di una consapevolezza assente che non tiene conto di uno tra i temi più importanti oggi sul web: Il cliente.

Ed ecco le aziende fotocopia che propongono tutto a tutti spinti dall’idea che una vendita non si debba e non si possa mai perdere. Troppo prese dal combattere la guerra alla concorrenza per ricordarsi che – parola del buon Philp Kotler – a decidere chi vince non sono i concorrenti ma i clienti.

Mettiamo in chiaro una cosa.

Se vuoi che la tua attività digitale veda risultati devi smettere di pensare di voler vendere qualunque tuo prodotto a chiunque.

Che ti piaccia o no, anche se gli slogan di tante Agenzie non te lo diranno mai, devi sapere che oggi le cose stanno così:

  • Un utente capitato sul tuo sito ne ha visto degli altri prima e ne vedrà degli altri dopo.
  • Il tempo di permanenza media su una pagina è inferiore ai 2 secondi. Per capirci l’attenzione è inferiore a quella di un pesce rosso. (a dirlo è Microsoft nella sua ricerca del 2015.  Cliccando qui trovi un approfondimento.)
  • SI: La ricerca che ti ho citato sopra è del 2015, oggi le cose sono messe ancora peggio.
  • La concorrenza multi-settore è in crescita e vede come suoi protagonisti marchi come Amazon che stanno monopolizzando il mercato con investimenti pubblicitari che tu non puoi permetterti.

Se vuoi avere dei risultati devi essere pronta/o a rinunciare.

  1. Rinunciare al voler andare avanti basandoti sul “secondo me”, “secondo loro” o peggio ancora “secondo quel mio conoscente esperto con il quale ho parlato al bar ieri”.
  2. Rinunciare all’idea che il web sia popolato da persone stupide pronte ad acquistare sul primo sito web trovato a caso.
  3. Rinunciare all’idea che tutti possono fare tutto.
  4. Rinunciare alla convinzione che la poca visibilità sia il grande del problema da superare per vendere di più.

Anche da imprenditore scegliere significa lasciare qualcosa indietro.

È inutile che ci giriamo in tondo, esattamente come accade per le rinunce le scelte di campo non sono mai cosa semplice.

Sai perché oggi il web è popolato per il 98% di siti web completamente inutili ? Sarò sincero: Perché altrettanti imprenditori hanno fatto una scelta sbagliata.

Il problema vero e che per “fare una buona scelta” occorre avere elementi di paragone e questo su internet non accade perché le variabili in gioco sono troppe.

Esattamente come ti dicevo nell’articolo “Perché gli imprenditori sbagliano a voler fare da consulenti SEO per la propria Azienda” è bene che l’imprenditore continui a fare ciò che sa fare meglio evitando di perdere tempo e soldi in tentativi.

Il Digital è un settore troppo complesso per poter essere gestito, amministrato e portato avanti da una sola persona e sulla base di questo è persino molto improbabile che tu possa anche solo immaginare lo strumento giusto per il risultato che cerchi.

Per poter scegliere ti servono conoscenza e obiettivi. Ma chiariamoci: Aumentare il fatturato, ricevere più contatti e generare più vendite possono essere obiettivi raggiungibili SOLO se sai esattamente come fare e per sapere come fare hai bisogno di uno specialista.

Ma chi è lo specialista se non colui per l’appunto specializzato nel fare qualcosa di specifico?

Chi è VG7? Un Azienda Italiana che scelto di concentrarsi in un settore specifico: il WebToPrint.

Ed eccoci al nocciolo della faccenda. Il momento nel quale le scelte si trasformano in quell’innovazione capace di offrire reale “valore”.

Immagina di lasciare il mercato del “tutto per tutti”. Immagina di rinunciare a quella fetta di vendite derivante da richieste generiche del tipo”mi serve un sito web”. Ora fermati e prova ad immaginare il momento nel quale decidi.

Decidi che è tuo sacrosanto diritto SCEGLIERE con chi lavorare, scegliere di lavorare soltanto su progetti per i quali sono previsti obiettivi concreti, scegliere che da domani porterai avanti esclusivamente lavori che ti appassionano.

Mica semplice non trovi?

VG7 ha fatto esattamente questo. A scelto di dedicare il suo lavoro all’unico settore per il quale sapeva tutto.

Ha dedicato le sue energie allo sviluppo di un software capace di permettere alle tipografie e ai professionisti della stampa in generale di semplificare i processi interni e offrire ai propri clienti un esperienza d’acquisto che non ha davvero nulla da invidiare ai grandi marchi come Pixart, Flyeralarm etc…

Oggi quest’Azienda ha un obiettivo chiaro e preciso: Conquistare il mercato del web to print Italiano aiutando concretamente le Aziende durante quella delicatissima fase che è l’ingresso nel mercato Digital.

A scelto di lasciar stare il resto, a espresso la volontà di trasformare quel rumore di fondo in una musica piacevole per se e per i propri clienti. Potevo forse rinunciare ad una sfida di questo tipo?

Ecco perché ho detto di si a VG7 e oggi sono felice di collaborare con loro aggiungendo valore all’offerta di prodotti e servizi dedicati ai professionisti della stampa.

Il mio ruolo in VG7: Consulente per il lancio digitale.

Ogni qual volta l’Azienda abbia a che fare con un nuovo cliente io sono uno tra i suoi primi interlocutori. Attraverso un ciclo di 3 incontri – in media di 2 ore ciascuno – realizzo insieme al titolare una quadro chiaro della situazione.

Primo incontro: Perché potendo scegliere tra tantissimi dovrei comprare da te?

In questa fase mettiamo nero su bianco quanto segue:

  • Punti di forza, oggettivi, tangibili e competitivi dell’azienda.
  • Cliente tipo (Buyer personas).
  • Come sono stati acquisiti i clienti sino a quel momento.
  • Quali prodotti sono ascrivibili come più convenienti in ottica di vendita e perché.
  • Obiettivi desiderati per i prossimi 3, 6 e 12 mesi.
pianificazione-strategica-marketing

Il  DDF una volta terminato

Secondo incontro: Keyword research e competitor analysis.

Durante il secondo incontro – insieme al titolare – esploro lo stato d’arte delle opportunità e della concorrenza per le principali parole chiave d’interesse.

Se durante il primo incontro abbiamo disegnato il diagramma di flusso ora è arrivato il momento di conoscere i competitor e capire quanto spazio di manovra ci sia in ottica di promozione.

screenshoot di seozoom

Questo è il punto nel quale gli obiettivi incominciano a prendere forma e consapevolezza.

Vuoi sapere cosa succede?

La gran parte delle volte ci si accorge che per gli obiettivi prefissati la concorrenza è troppa. Occorre trovare nicchie, occorre indagare di più e meglio sui prodotti e per farlo analizziamo il processo d’acquisto.

E poi ancora:
«Non va bene, dobbiamo andare più a fondo… il costo per click deve essere basso e le parole adatte all’ottimizzazione per i motori di ricerca.»

Se vogliamo avere risultati dobbiamo trovare uno spazio nel quale il costo per l’advertising sia sostenibile senza però scordarci di quanto necessario in ottica SEO. Perché come in tutte le cose è la combinazioni di più strategie ad aiutarci a portare il risultato a casa.

Vuoi saperne come?
Leggi questi approfondimenti:

  1. Keyword Research strategica, cosa è e come si fa.
  2. Pianificazione strategica di Marketing, il metodo per rendere la tua proposta irresisitibile.

Terzo incontro: The big picture.

Ora sappiamo cosa dire, come dirlo e abbiamo un idea chiara rispetto a dove vogliamo arrivare. A questo punto, definita la strategia, gli strumenti e le risorse sono solito discutere con il cliente il documento redatto appositamente per lui contenente:

  • La descrizione dei plus Aziendali: i cosidetti Talking Points utili da li in avanti a chiunque dovrà fare qualunque operazione di comunicazione per l’azienda.
  • La Keyword research: la lista esatta delle parole chiave per le quali il sito dovrà posizionarsi e la strategia da adottare per raggiungere questo risultato nei tempi previsti.
  • Il Marketing Planning: La pianificazione delle promozioni calendarizzata su base annuale.

Se sino a sei ore prima il quadro era vago e confuso ecco che ora, finalmente, tutto torna. Investimenti e risultati attesi anno preso forma. La strategia per raggiungere gli obiettivi è chiara e condivisa ed il progetto può finalmente diventare operativo.

 

Correre: Serve solo quando conosci la destinazione.

Oggi più che mai se vuoi vedere risultati concreti devi conoscere dove vuoi arrivare, prevedere i giusti investimenti e le azioni da svolgere. Il web non è un territorio semplice e – anche se le Agenzie non te lo dicono – la soluzione non sta sicuramente nel lanciarsi all’arrembaggio facendo investimenti a caso. VG7 questo lo sa bene ed è per questo che oggi posso dirti che sono un felice collaboratore e sostenitore di quest’azienda.


Fai marketing ascoltando, non strillando.
Un abbraccio.

ROBERTO SERRA

roberto serra lancio digitale
Mi chiamo Roberto Serra e sono un digital marketer con una forte passione per la SEO: Mi occupo di posizionamento sui motori di ricerca, strategia digitale e creazione di contenuti.

Ola Straniero! Fai girare la conoscenza, condividi questo articolo.


Questo articolo ti è piaciuto? Lascia il tuo commento!