Canonical URL: cos’è e Perché non Puoi Farne a Meno lato SEO

Rel Canonical guida al consolidamento di url e contenuti duplicati internamente al sito

Come spiegare a Google qual è la pagina giusta da prendere in considerazione tra due simili o uguali.


Canonical URL. No, non è un saluto in aramaico antico e no, non ti sto insultando. I canonical URL sono qualcosa di molto importante dal punto di vista SEO.  Perché? Presto detto, proprio da loro dipendono gli immancabili problemi generati da una mancata o non corretta ottimizzazione degli URL canonici.

Allora. So benissimo che già solo leggendo le parole canonical e URL nella stessa frase ti sarà passata tutta la tua vita davanti agli occhi, ma credimi non hai di che preoccuparti, non è poi così complicato e se intendi indicizzare un sito queste informazioni ti saranno certamente più che utili.

Come è bene fare ogni volta che si tratta di temi tecnici, farò tutto il possibile per rendere il discorso semplice e comprensibile, anche per chi di SEO ne ha masticata poca, ma sente già la mascella dolorante.

Che cos’è un Canonical URL?

Un URL canonico ti permette di comunicare al motore di ricerca che due URL (indirizzo alfanumerico che identifica una pagina web) sono in realtà la stessa risorsa. Fin qui tutto chiaro no?

canonical url imamgine descrittiva

Ma spieghiamoci meglio.

Alcune volte su un sito può capitare di avere la stessa risorsa, contenuto o prodotto su più URL differenti il che non piace affatto ai motori di ricerca. In sostanza si rischia di confondere big G o i crawler di qualsiasi altro motore di ricerca, con il rischio di far male al proprio ranking – leggi perdere posizionamento o non ottenerlo mai.

Quando si creano situazioni di questo tipo ti vengono in aiuto proprio gli URL canonici (indirizzi canonici). Questi, se ben ottimizzati, riescono a fare chiarezza e comunicano il giusto ordine di importanza dei contenuti al motore di ricerca riuscendo a prevenire il rischio di una perdita di posizionamento.

Tutto questo si ottiene aggiungendo l’attributo “rel=canonical” nei tag dei tuoi link HTML.

Scopriamo l’attributo Rel = Canonical

L’elemento rel=canonical, conosciuto anche come “link canonico”, è un elemento HTML che aiuta i webmaster a prevenire i problemi da contenuto duplicato: una delle piaghe presenti su siti web con molte pagine, ma non solo.

Come riesce questo elemento a risolvere il problema? Lo fa specificando l’URL canonico, ovvero identificando la versione preferenziale di una pagina web. Usare questo attributo nel modo giusto aiuta a incrementare le performance del proprio sito.

L’idea di base è molto semplice: se ti accorgi di avere diverse versioni dello stesso contenuto presenti sul sito, puoi andare a scegliere quella che per te è la versione canonica in modo tale da dire al motore di ricerca: “hey aspetta un attimo, è qui che devi puntare, le altre sono solo copie messe le per ragioni di servizio”.

L’utilizzo di questo elemento potrà anche sembrare una cosa banale, ma permette di risolvere proprio uno dei principali problemi di molti siti lato SEO. Negli e-commerce, ad esempio, i problemi di contenuti duplicati sono all’ordine del giorno, ma spesso vengono risolti grazie all’elemento rel=canonical.

Quando su un sito sono presenti contenuti simili c’è infatti il cosiddetto rischio di cannibalizzazioni. Ciò comporta che il motore di ricerca potrebbe tendere a non mostrare la  risorsa desiderata nei risultati di ricerca.

url canonical negli ecommerce

Stai sudando freddo? Niente paura, adesso scendiamo un po’ più nel dettaglio per capire come fare una buona ottimizzazione e risolvere il problema.

Alla fine non è niente di trascendentale. Continua a leggere, sono certo che l’argomento ti piacerà e troverai un modo efficace per trastullare i tuoi neuroni per altri 5 minuti, ci stai?

I benefici SEO del REL = Canonical

In tutti i casi in cui ti accorgi di avere due o più URL troppo simili sul sito, intervenire con l’elemento rel=canonical potrà migliorare di molto la tua SEO.I benefici lato SEO si realizzano perché il motore di ricerca, finalmente, saprà quale versione della URL è “canonica”, abbattendo il rischio di fare confusione.

A quel punto, tutti i link che puntano a versioni differenti dell’URL verranno riconosciuti come link alla versione principale identificata dall’attributo rel=canonical. Insomma, un po’ come funziona con i redirect 301, ma senza effettuare un vero redirect.

Come funziona nel pratico?

Pensa al caso in cui ti si presentano diverse scelte per la URL di un prodotto: canonicalizzare significa sceglierne solo una.

Nella maggior parte dei casi la scelta è semplice. Ci sarà sempre una URL che rappresenta la soluzione migliore rispetto alle altre. In altri casi la scelta potrebbe non essere così ovvia, ma anche se così fosse chettenefrega! Basta sceglierne una.

In presenza di più pagine simili o addirittura identiche non canonicalizzare sarà sempre una scelta peggiore!

Contatta Roberto
la prima consulenza web è sempre gratuita!

Come intervenire per settare l’URL canonico

Ora veniamo al dunque con un esempio pratico. Pensa a questo caso: ti trovi di fronte a due versioni della stessa pagina, ambedue le versioni presentano un contenuto identico al 100%.

L’unica differenza potrebbe essere che le pagine si trovano in sezioni differenti del sito e, per questo motivo, lo sfondo e il menù sono differenti. Tutte e due le versioni del contenuto hanno ricevuto link da altri siti, ciò indica che il contenuto è di valore, quindi quale versione dovrebbero mostrare i motori di ricerca nella SERP?

Per esempio, vediamo il caso di due URL come:

  • http://peresempio.it/wordpress/seo-plugin/
  • http://peresempio.it/wordpress/plugins/seo/

Questo è proprio il caso in cui l’attributo rel=canonical ti tornerà più utile ed è anche il più comune in assoluto. Moltissimi e-commerce hanno problemi di questo tipo.

Una pagina prodotto può avere un mucchio di URL differenti, in base al percorso di atterraggio su di essa. In questo caso hai 2 opzioni:

  1. Chiamare la mamma
  2.  Intervenire tu

Visto che l’opzione 1 non mi sembra del tutto appropriata… E visto che l’opzione 2 potrebbe causarti forti tremori alle falangi, in realtà esiste una terza soluzione: affidarsi a un consulente web specializzato  che, – con mano ferma 😉 – risolva il problema in modo pulito, preciso e ordinato.

Ma comunque, ecco i passi da seguire:

  1. Scegli una delle due pagine e rendila la versione canonica inserendo nelle pagine NON canoniche la stringa<link rel=”canonical” href=”http://www.peresempio.it/seo-plugin”/>
  2. Fa in modo che la tua scelta ricada sulla pagina che ritieni più importante e che potrebbe aiutarti ad aumentare le visite al sito.
  3. Se non t’importa, semplicemente, scegli la pagina che fa più visite e che ha più link.

In base all’esempio riportato prima, se la tua scelta dovesse ricadere sulla URL più breve come -http://peresempio.it/wordpress/seo-plugin/ – allora l’altra URL dovrà linkare alla prima come ti ho appena mostrato:

<link rel="canonical" href="http://esempio.it/wordpress/seo-plugin/" />

Il risultato sarà come aver fuso le due pagine in una, ma solo dal punto di vista del motore di ricerca. Questo è quello che possiamo chiamare un “soft redirect”, che resta invisibile all’utente.

Nota bene: I link ricevuti in passato da entrambe le URL ora contano come se puntassero alla medesima pagina con la medesima URL.

Meglio fare Redirect 301 o Canonical?

Questo e molti altri dubbi possono balenarti in mente trovandoti di fronte a contenuti duplicati. Cosa è meglio fare quando sei insicuro se fare redirect o settare un Canonical?

In linea di massima la scelta deve cadere sul redirect, a meno che non ci siano ragioni tecniche che sconsigliano di farlo. Ad esempio, potrebbe essere meglio non fare redirect perché questo danneggerebbe l’esperienza utente o potrebbe causare altri problemi, allora è sempre meglio settare un canonical URL.

Considerazioni finali

In questa breve guida ti ho parlato dell’importanza dell’attributo rel=canonical nell’ambito di una eccellente ottimizzazione SEO del proprio sito.

Interventi di questo tipo sono fondamentali se il tuo obiettivo è quello di ottenere un buon posizionamento sul tuo progetto web.

Solo mettendo ordine e permettendo al sito di comunicare al meglio con i motori di ricerca ti sarà infatti possibile ottenere quel ritorno in termini di visibilità per la propria attività, e-commerce o brand che poi si tramuta in nuovi clienti e conversioni.

E tu che aspetti? Se non hai mai “canonicalizzato” non pensi sia ora di cominciare a farlo? Applicando questa guida puoi ottenere i risultati sperati, ma se non hai l’indole dello smanettone allora non perdere altro tempo e rivolgiti a un esperto SEO.

Fai marketing ascoltando, non strillando.
Un abbraccio.

Scelti per te algoritmicamente

E se domani la SEO fosse rimpiazzata da Robot? Ieri parlavo con un Francesca, una ragazza che mi a ha contattato perché io l'aiutassi a far apparire il suo sito su Google. Voleva lanciare il suo pr...
Penalizzazioni SEO: ecco le 20 cause più comuni per le quali Google può retroced... Lo senti quel brivido lungo la schiena? Sì, oggi parliamo di penalizzazioni SEO, il vero incubo di ogni consulente SEO e dei gestori di siti online. P...
SEO copywriting ? +24 dritte REALI per andare ai primi posti Hai iniziato a scrivere i testi per il tuo sito e vorresti vedere le tue pagine posizionate meglio nei risultati di ricerca?Sei un Copywriter alla...
Le 5 regole d’oro alla base del mio metodo di posizionamento sui motori di... Fare SEO non significa posizionare le pagine del tuo sito. Sono sicuro di una cosa.Hai sentito parlare di SEO e conosci la parola "posizionamento...
Perché SEO by Yoast non è un plugin per fare SEO Il semaforo è verde ma le pagine del sito non si posizionano. Il traffico non arriva. Hai un sito web su Wordpress e hai capito che grazie ai motori ...
Così ho aumentato le visite al sito del 81,04% in soli 3 mesi Tu vuoi aumentare le visite al sito, tutti ne parlano, ma poi gira che ti rigira nessuno ti dice COME fare. Se riuscirai a leggere tutto quest"artico...

Che mi racconti di bello?