Come scegliere i giusti anchor text per la tua link building

Questo articolo in pillole 🤟 Gli anchor text sono importanti per gli utenti e per […]


roberto serra seo immagine di profilo

Questo articolo in pillole 🤟

  1. Gli anchor text sono importanti per gli utenti e per i motori di ricerca.
  2. I testi di ancoraggio dovrebbero essere vari e distribuiti in modo naturale.
  3. Gli anchor ricchi di parole chiave dovrebbero costituire solo una minima percentuale della loro distribuzione.
  4. Occorre prendere in considerazione anche l’ottimizzazione on-site.
  5. E’ opportuno utilizzare anche le parole chiave in co-occorrenza.

Quali sono i testi di ancoraggio che dovrei utilizzare se sto lanciando un nuovo progetto online?

Questa è una delle domande più frequenti che mi viene posta riguardo la link building.

Ti rispondo subito. Se stai lanciando un nuovo progetto, per evitare problemi, è certamente una buona idea concentrarsi sul brand. Ciò significa che come testo di ancoraggio dovresti utilizzare il nome del tuo sito web.

La base della link building fatta bene è infatti che è importante rendere credibile il profilo link del tuo sito web.

Infatti, durante la fase iniziale, l’obiettivo non deve essere quello di manipolare le SERP, poiché il sito web non avrà ancora un posizionamento strutturato sui motori di ricerca. Al contrario, all’inizio, è meglio concentrarsi principalmente sulla diffusione del progetto e sulla valorizzazione del nome del sito e del brand del progetto su cui si sta lavorando.

Questo non significa però che, contestualizzato all’interno del testo che verrà prodotto e pubblicato sui siti esterni, non si possano utilizzare anche delle varianti.

Esempio su un nuovo sito dedicato al noleggio bici.

Come testo di ancoraggio si potrebbe utilizzare “questo nuovo sito dedicato a noleggio bici” o “il noleggio bici del sito www.nomesito.it“.

L’importante è comunque che, solitamente, si cerchi sempre d’inserire il brand.

Una volta terminata la fase iniziale, che può durare da un minimo di un mese a un massimo di 23 mesi, si dovrà cominciare ad alternare alle chiavi prettamente brand anche qualche chiave manipolativa, perché magari alcune pagine cominciano a posizionarsi per determinate keyword sui motori di ricerca.

Questa è la strategia migliore per portare avanti una nuova campagna su un nuovo progetto online che, nel 99% dei casi, evita qualsiasi tipo di problematica e permette di cominciare a creare un profilo link solido, credibile e strutturato che, poi, nelle fasi successive, potrà essere spinto ancora di più con chiavi più manipolative al fine di ottenere un maggior numero di conversioni sul sito web.

come scegliere gli anchor text per la link building

Sai tra queste tre qual è infatti la cosa che potrebbe penalizzarti di più?

  • Il tipo di link;
  • la qualità dei domini che li collegano;
  • il testo di ancoraggio innaturale delle parole chiave?

Se hai scelto il numero 3, hai capito bene!

Una delle tracce più comuni che i SEO creano durante la creazione di link riguarda proprio la distribuzione del testo di ancoraggio (“anchor text”).

Il testo di ancoraggio è il testo visibile e cliccabile di un collegamento ipertestuale. Spesso è di colore diverso dal resto del testo e sottolineato nell’HTML. Il codice sarà simile a questo:

<a href="qui ci va la url">questa è la parola linkata</a>

Gli anchor text possono fornire sia ai motori di ricerca che agli utenti informazioni contestuali rilevanti sul contenuto del link di destinazione.

Le parole che scegli per il link sono importanti perché, in primo luogo, indicano ai tuoi lettori cosa aspettarsi prima di cliccarci sopra. Rappresentano l’unico modo in cui l’utente può sapere cosa aspettarsi quando clicca sul link.

Inoltre, indica agli algoritmi di Google l’argomento del tuo contenuto, in quanto lo utilizzano per capire gli argomenti a cui ti stai collegando.

Ci sono tre occasioni principali in cui si può incontrare il testo di ancoraggio:

  • i link interni, che sono backlink che rimandano dalla pagina in cui si trova l’utente a un’altra pagina dello stesso dominio;
  • i link esterni, che sono link dal tuo sito web a un altro sito web esterno;
  • e i link in entrata, che sono link da un altro sito web verso il tuo.

Parliamo ora dei diversi tipi di anchor text…

I 3 diversi tipi ti anchor text: ancoraggio a corrispondenza esatta

Il testo di ancoraggio a corrispondenza esatta (“Exact match anchor text”) corrisponde esattamente al termine di ricerca che vuoi posizionare.

Ad esempio, la creazione di un link a una pagina sulla link building che utilizza un testo di ancoraggio a corrispondenza parziale include il termine di ricerca target della pagina collegata, oltre a un testo aggiuntivo.

Spetta la.

So che ti sta venendo il mal di testa. Segui questo esempio.

Stando a quanto sopra l’anchor “strategie di link building” includerebbe anche l’aggiunta del marchio, diventando:

“strategie di link building di Roberto Serra”.

Ma puoi anche utilizzare solo il nome del marchio. Ad esempio, “Roberto Serra”.

I 3 diversi tipi ti anchor text: link nudo (naked url)

Un link nudo (naked url) invece è quando l’URL viene utilizzato come ancora, ad esempio “roberto-serra.com”. Esistono poi anche parole o frasi generiche che vengono utilizzate come testo di ancoraggio, come “clicca qui”, “visita questa pagina” o “leggi di più”.

I 3 diversi tipi ti anchor text: immagini

Anche le immagini vengono utilizzate come testo di ancoraggio, dal momento che Google utilizza il testo contenuto nell’attributo alt dell’immagine come testo di ancoraggio. Questo è uno dei motivi per cui i tag alt – spesso sottovalutati – sono così importanti.

I 3 diversi tipi ti anchor text: anchor di tipo title

Infine, il testo di ancoraggio del titolo. In questo caso parliamo semplicemente del titolo della pagina che stai linkando, utilizzato come testo di ancoraggio.

Se ad esempio il titolo 1 della pagina che vuoi linkare è “Cosa sono questi link e come ottenerli?” l’anchor text da usare sarà, indovina un po’? “Cosa sono questi link e come ottenerli?”.

Ricorda…

I motori di ricerca osservano il tipo di testo di ancoraggio utilizzato per cercare di capire meglio il contenuto e il contesto di una pagina web collegata. Le parole vengono utilizzate come indicatori aggiuntivi per capire di cosa tratta l’articolo e per quali query di ricerca potrebbe essere rilevante.

In passato, se vendevi arance rosse e volevi posizionarti per questo termine di ricerca, tutto ciò che dovevi fare era ottenere un numero sufficiente di link che puntassero a quella pagina web con quell’esatto testo di ancoraggio.

Ma ora le cose non girano più in questa maniera e sai perché?

Nell’ottobre del 2019, Google ha rilasciato l’aggiornamento BERT, che utilizza l’elaborazione del linguaggio naturale per comprendere e classificare le pagine. Come è tipico di Google, non è chiaro al 100% come lo utilizzi in relazione ai testi di ancoraggio, ma molti tra noi SEO hanno ipotizzato che Google presti maggiore attenzione agli indizi di contesto intorno alle ancore.

Ora più che mai dunque, i crawler di Google potrebbero anche analizzare e considerare le parole e le frasi circostanti più di quanto non facessero in passato.

Il testo di ancoraggio con parole chiave a corrispondenza esatta dovrebbe costituire solo una minima percentuale del tuo profilo backlinks.

Lo ripeto: non è naturale abbondare di anchor text a corrispondenza esatta quando i link puntano al tuo sito web.

Come fanno questi siti esterni a linkarti sempre con anchor “ER meglio bello der colosseo”?

Semplicemente, in condizioni naturali, non potrebbero. Quindi, la probabilità che centinaia di questi blogger si colleghino alla stessa pagina con lo stesso testo di ancoraggio è piuttosto bassa.

Stai comunque pensando di farlo?

Ricorda che un profilo di link innaturale può causare penalizzazioni da parte di Google.

Per definizione poi, le ancore a corrispondenza esatta possono puntare a una sola parola chiave. Osservando Ahrefs e facendo una semplice analisi di un qualunque sito forte, noterai che le pagine che si posizionano per la parola chiave di riferimento tendono a posizionarsi anche per una tonnellata di varianti a coda lunga e quando vengono combinate, il traffico generato da tutte queste altre parole chiave è spesso responsabile della maggior parte degli accessi verso quella pagina.

Il ruolo dell’anchor text nella costruzione del profilo link

In alcuni casi, per le ragioni più disparate, si ricevono link da siti esterni che decontestualizzando il topic principale del sito. Come al solito di link giusti e buoni, gratis se ne prendono pochi e niente ma invece di scarsi e rompiscatole… a pacchi.

In questi casi ricorda che se non puoi controllare il testo di ancoraggio utilizzato da altri siti, potrai comunque controllare il testo di ancoraggio utilizzato per i link interni alle tue pagine. Ecco perché ribadisco spesso che una buona strategia di link interni può davvero migliorare la tua SEO.

Leggi anche: Come mettere i link interni senza improvvisare (e facendosi guidare dai dati)

Riguardo i link interni ricorda che analogamente al testo di ancoraggio a corrispondenza esatta, l’utilizzo ripetuto dello stesso testo di ancoraggio molteplici volte in situazioni di keyword stuffing potrebbe indicare un comportamento di tipo spammoso.

Meglio scrivere in modo naturale ok?

Come faccio a posizionarmi per i termini di ricerca che ho scelto senza usare il testo di ancoraggio exact match? 4 consigli per riuscirci.

Il primo consiglio è quello di utilizzare un rapporto coerente di anchor text.

Facciamo un esempio di distribuzione del testo di ancoraggio naturale:

i branded dovrebbero occupare la maggior parte del testo di ancoraggio, seguiti da URL nudi e generici.

I testi di ancoraggio ricchi di parole chiave dovrebbero costituire solo una minima percentuale della loro distribuzione. Devi distribuire ogni tipo di testo di ancoraggio e assicurarti di variare la differenza di tempo tra il loro utilizzo.

Devi iniziare con la creazione di link con testo di ancoraggio brand. In seguito, inserire altri testi di ancoraggio, come URL nudi, URL generici a corrispondenza parziale e forse un altro URL brandizzato, e solo dopo creare un anchor text a corrispondenza esatta.

Per quanto riguarda gli anchor text ricchi di parole chiave, ricordati di conservarli per le occasioni di maggiore importanza, è proprio in questi casi che otterrai i massimi risultati.

Ovviamente l’esempio che ti ho fatto non è una ricetta. Il “come” va valutato caso per caso e dipende da ciò che si addice al tuo settore e alla tua nicchia.

Il terzo consiglio è quello di prendere in considerazione l’ottimizzazione on-site.

Ci sono molti modi per distribuire le tue parole chiave esatte in modo naturale, pur contribuendo alla SEO.

Vuoi un esempio?

  • assegna temi di parole chiave a ogni pagina;
  • assicurati che ogni pagina contenga la parola chiave principale all’interno della struttura dell’URL;
  • assicurati che ogni pagina menzioni la parola chiave a cui si rivolge in modo naturale all’interno del flusso del contenuto un certo numero di volte;
  • utilizza ancoraggi a corrispondenza esatta all’interno dei menu di navigazione.

Questi rappresentano tutti modi per incorporare anchor interessanti in modo spontaneo nei tuoi siti web.

Considera le parole chiave in co-occorrenza

In questo caso, la parola o le parole chiave vengono posizionate vicino al link che punta al tuo sito web, ma non fanno parte della frase collegata.

Lavorando in questo modo si ottiene un modo sicuro per inviare segnali di parole chiave senza inquinare il profilo del testo di riferimento.

Vediamo alcuni esempi.

“Se stai cercando dei computer portatili durevoli, allora dovresti dare un’occhiata al sito web di Amazon. Ho scoperto che questo sito offre le migliori macchine rosse sul mercato”

O ancora…

“Ci sono ottimi consigli su quali computer portatili durevoli acquistare su Amazon.it

È difficile quantificare il successo di questa tattica, ma Bert ha permesso a Google di capire come le parole sono correlate e, quindi, il contesto e dato che il sistema sta diventando sempre più intelligente, con il passare del tempo è probabile che questa tattica diventi sempre più efficace.

Insomma… bisogna evitare di fissarsi troppo sul testo di ancoraggio che si utilizza.

Se stai riducendo al minimo l’uso di testi di ancoraggio a corrispondenza esatta, ci sono poi altri fattori di ranking di Google che hanno un peso SEO molto maggiore: i contenuti e la qualità dei backlink sono molto più importanti per il ranking.

Quindi, anche se la distribuzione dei testi di ancoraggio è perfetta, potresti non riuscire a posizionarti se i tuoi contenuti sono scarsi o la pagina che li ospita non ha considerato gli altri fattori.

Leggi anche: Le peggiori tecniche di Link Building

In conclusione

In base a quanto detto cerchiamo di trarre le conclusioni del post, sintetizzando tutti i fondamenti di cui ti ho parlato riguardo i testi di ancoraggio.

In primis quando aggiungi un link interno a una pagina web del tuo sito fai del tuo meglio per usare un testo di ancoraggio che non sembri costruito a tavolino;

Ricorda poi che Il testo di ancoraggio a corrispondenza esatta è consigliato solo se sei supportato da link provenienti anche da altre fonti.

Se poi vuoi una mano per la tua prossima campagna di link building?

In questo articolo ti dico tutto su ciò che possiamo pensare di fare insieme per far decollare il tuo sito.
#avantitutta!

Potrebbero interessarti:

 Tier 2 link building: di che si…

Una delle pratiche più discusse quando si parla di SEO e link building è la […]

Link building, cos’è e che ruolo ha…

In tanti continuano a domandarsi “cos’è la link building?” In questo articolo vado al dunque […]

Hotlinking & WordPress: Come proteggersi dagli hotlink…

Le immagini di un sito web o di un blog possono essere un importante fattore […]

Come mettere i link interni senza improvvisare…

Come non mettere i link interni Premessa Sul tuo sito dovresti avere due tipologie di […]

newsletter roberto serra
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER