Novità SEO 2021: I nuovi SEO trend del posizionamento sui motori di ricerca.

le novità seo del 2021

Ecco la novità SEO 2021: Questo articolo è un test.

Non si tratta di un contenuto scritto da me ma al contrario di un contenuto scritto da un sistema di scrittura automatica. Praticamente lo ha scritto un frullatore.

Riuscirà nell’intento di posizionarsi per la query “novità seo 2021?” Io sono curioso, dunque lo scopriremo a breve 🙂

Buona lettura?

Sta volta spero proprio di no.

Se un testo scritto da una macchina fosse anche buono da leggere… come cambierebbe il ruolo degli umani?

Le novità SEO per il 2021 spiegate da un robot!

Focus on User + Intento di ricerca

Nel 2021, è il momento di focalizzare l’utente e l’intento di ricerca.

Per davvero.

Anche se non si tratta di una tendenza o di un concetto nuovo, ogni anno è importante rifocalizzarsi perché l’intento e il comportamento di chi cerca cambia continuamente.

Soprattutto dopo l’anno che è stato il 2020, quando le cose sono cambiate così rapidamente.

“Google (come gli altri motori di ricerca) è un posto dove andare quando le persone vogliono rispondere a una domanda o saperne di più su qualcosa”, ha detto Jenn Mathews, SEO Manager, GitHub.

“Quando comprendiamo la natura del perché le persone cercano e li aiutiamo con contenuti che forniscono le risposte che cercano, allora il nostro business ne trae vantaggio”.

Quindi, cosa significa questo in termini di sforzi SEO nel 2021?

Secondo Britney Muller, SEO Consultant & Data Science Student, Britney Muller LLC, significa che i professionisti del SEO dovranno abbandonare le migliori pratiche tradizionali che avranno meno valore man mano che gli algoritmi si rafforzano (ad esempio, cercando di scrivere metadescrizioni per ogni singola pagina) e concentrarsi maggiormente su una migliore comprensione di ciò che accade all’interno dell’intento SERP/ricercatore.

“Google ospita le informazioni del mondo e sa cosa cerca la maggior parte delle persone che cercano ‘x'”, ha detto Muller. “Prestare maggiore attenzione ai risultati della ricerca darà ai professionisti del SEO un vantaggio nel creare contenuti competitivi nel modo in cui i ricercatori desiderano consumarli”.

Molti esperti di SEO sono d’accordo con Muller. Tra questi c’è Andrew Dennis, Content Marketing Specialist, Page One Power.

“Google vi sta già mostrando quali risultati pensa siano utili agli utenti, usate questi dati per la vostra strategia”, ha detto Dennis. “Per me, l’analisi della SERP sarà una pratica importante non solo nel 2021, ma andrà avanti man mano che gli intenti di ricerca cambieranno e Google continuerà a diventare sempre più sofisticato per tenere il passo”.

È chiaro a Marie Haynes, CEO, Marie Haynes Consulting Inc., che se si vuole vincere al SEO nel 2021, sarà necessario fare un lavoro stellare per fornire informazioni agli utenti.

“Google sarà ancora più bravo a riconoscere quando un ricercatore cerca un consiglio esperto e classificherà quei post al di sopra degli articoli scritti da chi scrive contenuti che mancano di E-A-T”, ha detto Haynes: “I professionisti del SEO che avranno successo nel 2021 saranno quelli che potranno veramente capire come soddisfare le esigenze di un ricercatore”.

Come?

Ecco i consigli di Adam Riemer, Presidente di Adam Riemer Marketing:

“I Brand dovranno dimenticare se stessi e soddisfare i loro visitatori.

Questo include:

  • Copy che risponde alle esigenze e alle preoccupazioni del visitatore e non copy che parla di servizi, dell’Azienda o del perché il vostro prodotto è buono.
  • Un sito web rapido che mostra e carica velocemente.
  • Non far lavorare la gente per trovare i tuoi contenuti, niente pop-up forzati, registrazioni, ecc.

Con Google che si concentra maggiormente sulla soddisfazione dell’intento dell’utente, Steven van Vessum, VP della Community, ContentKing, ha detto che è più importante che mai concentrarsi sull’apprendimento di ciò che un utente sta cercando.

“In termini di risposta effettiva – ma anche del tipo di contenuto preferito (ad esempio, video, podcast o PDF)”, ha detto van Vessum. “Poiché capire a mano l’intento dell’utente di una query è molto dispendioso in termini di tempo, gli strumenti di ricerca per parole chiave che ci permettono di farlo rapidamente e su larga scala superano quelli che non lo fanno”.

Alexander Kesler, CEO di INFUSEmedia, offre alcuni consigli aggiuntivi per capire l’intento di ricerca dell’acquirente ideale e per generare entrate significative per la vostra organizzazione.

“Analizza i dati di ricerca e il percorso sul posto di qualsiasi traccia acquisita organicamente – non solo i termini di ricerca che hanno usato per trovare i tuoi contenuti, ma anche la ricerca sul posto e le parole chiave evidenziate per tutte le pagine che hanno visitato”, ha detto Kesler. “Aggrega quei dati e mappali in un viaggio di contenuti”.

AI per mostrare un maggiore impatto.

Il BERT (Bidirectional Encoder Representations Transformers) esiste ormai da un paio d’anni e sembra che solo recentemente si veda questa tecnologia e la potenza che ha per il futuro.

Sviluppata e pubblicata nel 2018 da Google, è una tecnica basata su reti neurali per la preformazione PNL (elaborazione del linguaggio naturale). In termini più semplici, può aiutare Google a decifrare il contesto delle parole in una query di ricerca.

Inoltre, secondo il recente rapporto di Data Prot, il 37% delle imprese e delle organizzazioni utilizza già l’IA. Con l’industria dell’IA che dovrebbe guadagnare circa 118 miliardi di euro entro il 2025, non c’è dubbio che la tecnologia lascerà un impatto duraturo sul SEO.

Grazie all’IA che alimenta il vostro business, non solo sareste in grado di creare contenuti più potenti, ma anche di aumentare la ricerca sulle parole chiave, massimizzare le opportunità di link building e ottimizzare tutte le piattaforme digitali.

Ci sono strumenti straordinari come Keyword Tool e Twin word che utilizzano l’IA per accelerare la ricerca sulle parole chiave.

Insieme a questo, Wordsmith, Articoolo e WordAI sono tra i migliori strumenti che aiutano a creare contenuti utilizzando l’intelligenza artificiale.

Riconsidera il motivo per il quale intendi fare traffico

Il tasso medio di conversione del sito web è del 2,35%.

Se hai fatto un ottimo lavoro attirando vari tipi di pubblico sul tuo sito web la domanda da farsi è, ne ho davvero bisogno?

Inseguendo quantità di traffico, spesso ci dimentichiamo della sua qualità. Immaginiamo di avere milioni di persone che visitano il nostro sito web ogni mese.

Se gestisci un blog e il tuo obiettivo è quello di avere più lettori – congratulazioni, è stato raggiunto. Se però vuoi più acquirenti che prendono solo il 2-3% di quel milione – hai fallito. Il restante 97-98% non farà mai clic sul pulsante “Compra ora” sul tuo sito web.

In questo caso, avete attratto i lettori ma non gli acquirenti.

Ferma le inutili ricerche sul traffico e punta a obiettivi e pubblico reali. Con gli obiettivi giusti, puoi creare una solida strategia SEO; scegliere le giuste piattaforme per la promozione a seconda del tuo pubblico di riferimento e dei prodotti; scegliere le parole chiave giuste per i tuoi articoli per portare l’attenzione convertibile alle tue merci, e costruire un’offerta vantaggiosa per i tuoi futuri clienti.

Definitivamente esperienza utente (UX)

La soddisfazione degli utenti rimane estremamente rilevante per il successo di una strategia SEO.

Tuttavia, è importante notare che tale soddisfazione non dipende solo da contenuti qualificati e rilevanti.

È necessario offrire un’esperienza completa.

Pertanto, l’investimento in tecniche di user experience (UX) è una delle principali tendenze SEO per il 2021.

Ma cosa significa questo?

Don Norman, co-fondatore del Nielsen Norman Group, ha creato il termine UX.

Quando viene applicato nel Digital Marketing, UX è legato all’interazione dell’utente con i canali del marchio.

Deve avvenire in modo semplice, accessibile e senza barriere.

In altre parole, quando si accede al sito web, i visitatori dovrebbero trovare pagine a caricamento rapido, menu intuitivi e altri elementi che rendono la loro esperienza più ricca ed efficiente.

D’ora in poi, tutto questo sarà preso in considerazione anche dall’algoritmo di Google.

Le informazioni provengono da un post del Google Webmaster Central Blog, che spiega come l’algoritmo valuta l’esperienza di ogni pagina per definirne il ranking.

Quindi, se vuoi massimizzare i risultati SEO nel 2021, avrai bisogno di pagine veloci, stabili e interattive.

Per capire le prestazioni attuali delle tue pagine, vale la pena di dare un’occhiata a Google PageSpeed Insights.

Su cosa dovrebbero concentrarsi i marketer quando si tratta di UX

Fortunatamente, c’è ora un report dedicato al Core Web Vitals che puoi consultare attraverso la Google Search Console per avere un’idea di dove si trovano le tue pagine dal punto di vista dell’UX – contro tutti i segnali di posizionamento UX di Google – e anche suggerimenti su come fare miglioramenti.

Con queste informazioni in mano, ti consigliamo di dare al tuo sito web un’occhiata al desktop, iPhone e Android, e a qualsiasi altro dispositivo o piattaforma attraverso la quale i tuoi utenti accederanno probabilmente al sito.

  • Ci sono pagine sul sito che si caricano lentamente?
  • Hai dei pop-up in esecuzione che, per quanto importanti da richiedere, sono in realtà fastidiosi e invadenti per gli utenti finali?
  • Infine, ci sono esperienze che non si traducono bene sui dispositivi mobili?

Come per qualsiasi altra cosa, dai priorità ai contenuti e alle esperienze di contenuto che creano il massimo valore per gli utenti e che hanno un impatto più diretto sulle metriche del vostro business.

Forse le pagine dei prodotti si classificano bene e sono considerate “pietre miliari”; ora potrebbe essere il momento di verificarle dal punto di vista dell’UX per assicurarsi di offrire la migliore esperienza possibile.

Gli scarsi voti in una qualsiasi di queste “metriche incentrate sull’utente” non solo degradano l’UX per il pubblico del vostro sito web, ma possono anche danneggiare le classifiche di ricerca.

Ricorda, il tuo sito web dovrebbe essere:

  • Veloce. Tipo, molto veloce, in modo che il tempo di interattività sia così minimo che gli utenti non se ne accorgano.
  • Privo di fastidiosi pop-up a tutto schermo. I marketer amano la generazione di piombo, la costruzione di liste e l’espansione della portata. Quindi amano i pop-up, naturalmente. Gli utenti, d’altra parte, non li sopportano in una maggioranza schiacciante. L’algoritmo di ricerca di Google è stato aggiornato in risposta a questo sentimento.
  • Mobile-friendly e reattivo su tutti i dispositivi e le piattaforme. Questo include smartphone e tablet, computer portatili e desktop. Comprende i sistemi operativi iOS, Android e Windows.

Le imprese locali e i professionisti SEO locali devono essere agili

A proposito della necessità di potersi adattare rapidamente, quest’anno non c’è nulla di più vero che la ricerca locale.

Uno dei settori più colpiti da questa pandemia è stato quello delle imprese locali.

I blocchi e le restrizioni sociali hanno costretto molti di questi imprenditori a diventare creativi e a trovare nuovi modi per rimanere in contatto con la loro clientela, come il ritiro senza contatto o le consultazioni virtuali.

Tuttavia, per molte aziende, il semplice fatto di far sapere ai propri clienti se sono aperte o meno può fare un’enorme differenza.

A loro onore, Google ha fatto un lavoro dignitoso fornendo varie opzioni all’interno di Google My Business per le aziende locali per comunicare con i loro clienti.

Alcune delle caratteristiche aggiunte di recente da GMB includono:

  • Un attributo LGBTQ-friendly.
  • Pulsanti di chiamata nei pannelli di conoscenza locali.
  • Un attributo delle ore di funzionamento online.
  • Un attributo per gli appuntamenti online.

Se vuoi rimanere aggiornato su tutti i nuovi attributi che sono stati e continuano ad essere aggiunti a GMB, ti consiglio vivamente di dare un’occhiata alla risorsa rilasciata sul sito di Hawkins.

Anche se la maggior parte delle imprese locali hanno sedi di mattoni, devono rendere conto della ricerca come canale legittimo per comunicare con i clienti, e la pandemia ha messo in evidenza questo fatto come le chiusure rendano difficile servire i clienti nei loro spazi fisici.

Le aziende più agili e i professionisti SEO locali dovrebbero essere in grado di sfruttare le nuove opportunità offerte dalla ricerca locale sfruttando appieno gli strumenti forniti da Google e dagli altri motori di ricerca – e con l’aggiunta di nuove funzionalità in continuazione, queste aziende agili e i professionisti SEO continueranno a prosperare oltre la pandemia

In conclusione: Imposta i tuoi obiettivi SEO (e sii realistico sui risultati)

Questo dipende dalla natura della tua attività e da come generi le tue entrate.

Ad esempio, se la tua azienda genera entrate monetizzando annunci online o commissioni di affiliazione, potresti volerti concentrare sulla generazione di traffico organico e sul marketing dei contenuti.

Se il SEO locale è importante, ti garantisco che i tuoi clienti effettuano ricerche “vicino a me” così come la ricerca mobile e vocale:

Il mio ultimo consiglio in proposito: Non spendere troppo tempo a cercare di prevedere il SEO o di prevedere quanto traffico di ricerca organico si dovrebbe ottenere.

Ricorda che siete una piccola impresa, è meglio sperimentare e imparare facendo. Insomma, entrate in trincea e andate a fare qualcosa!

Fai marketing ascoltando, non strillando.
Un abbraccio.


Commenta questo post